Ott 09 2018

Contributi per l’acquisto di nuovi veicoli commerciali a basso impatto ambientale a favore di micro, piccole e medie imprese

Bando rinnova veicoli – contributi per l’acquisto di nuovi veicoli commerciali a basso impatto ambientale a favore di micro, piccole e medie imprese

Domande dal: 16 ottobre 2018, ore 14:30 Scadenza: 10 ottobre 2019, ore 16:00

Incentivi alle micro piccole e medie imprese per la demolizione di veicoli commerciali di proprietà, benzina fino ad euro 1/I incluso e/o diesel fino ad Euro 4/IV incluso, con conseguente acquisto, anche nella forma del leasing finanziario, di un nuovo veicolo ad uso commerciale e industriale (categoria N1 e N2) a basso impatto ambientale.

L’intervento è finalizzato ad incentivare le micro piccole e medie imprese a demolire i veicoli commerciali di proprietà, benzina fino ad euro 1/I incluso e/o diesel fino ad Euro 4/IV incluso, con conseguente acquisto, anche nella forma del leasing finanziario, di un nuovo veicolo ad uso commerciale e industriale di categoria N1 o N2 a basso impatto ambientale, per la riduzione delle emissioni inquinanti in atmosfera e il miglioramento della qualità dell’aria. La misura sarà dotata di un contatore della dotazione finanziaria che consentirà, ove necessario, di chiudere il bando anche prima della data del 10 ottobre 2019 in caso di raggiungimento di richieste di contributo pari alla dotazione finanziaria maggiorata del 10%. L’avvenuto ricevimento della domanda trasmessa in presenza della condizione di “lista d’attesa” non costituirà titolo all’istruttoria della pratica correlata. Le domande in lista d’attesa saranno comunque protocollate (non sarà possibile ottenere il rimborso dell’imposta di bollo) e potranno accedere alla fase di istruttoria solo laddove si rendano disponibili ulteriori risorse in esito all’istruttoria per la concessione ovvero qualora si verificassero delle economie di spesa in fase di istruttoria della rendicontazione o per effetto di possibili rinunce da parte dei soggetti beneficiari. In ogni caso i beneficiari in lista d’attesa che dovessero rientrare tra i beneficiari del contributo dovranno presentare la rendicontazione con modalità on line attraverso il sito http://webtelemaco.infocamere.it entro 120 giorni dalla data di pubblicazione del decreto regionale di concessione del contributo e comunque non oltre le ore 12:00 del 30 dicembre 2019.

Le micro, piccole e medie imprese aventi sede operativa in Lombardia che demoliscono un veicolo di proprietà per il trasporto in conto proprio di tipo benzina fino ad euro 1/I incluso e/o diesel fino ad Euro 4/IV incluso e acquistano, anche nella forma del leasing finanziario, un veicolo di categoria N1 o N2 per il trasporto in conto proprio appartenente ad una delle seguenti categorie: elettrico puro, ibrido (benzina/elettrico solo Full Hybrid o Hybrid Plug In), metano esclusivo e GPL esclusivo, metano e GPL bifuel (benzina/metano e benzina/GPL).

Sono escluse dalla partecipazione al presente bando:

– le imprese operanti nel settore della pesca e dell’acquacoltura e nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli facenti parte della sezione A: AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA della classificazione delle attività economiche ATECO 2007;

– le imprese di trasporto conto terzi, secondo quanto previsto all’art. 3 del Regolamento UE 1407/2013, iscritti al relativo albo.

L’agevolazione consiste nella concessione di un contributo a fondo perduto proporzionale alla massa/peso del veicolo e limitatamente alla gamma di veicoli N1 ed N2 (gli N3 -sopra le 12t- sono esclusi) secondo la tabella seguente:

  1 – 1,49 t 1,5 – 2,49 t 2,50 – 3,49 t 3,5 – 7 t >7 <=12 t
ELETTRICO PURO € 4.000 € 5.000 € 5.500 € 7.000 € 8.000
IBRIDO (Full Hybrid o Hybrid Plug In)

METANO (mono e bifuel)

€ 3.000 €3.500 €4.000 € 6.000 € 7.000
GPL (mono e bifuel) € 2.000 €2.500 € 3.000 € 4.500 € 6.000

L’erogazione del contributo avverrà a saldo, previa verifica della rendicontazione presentata.

Related Posts

Il territorio

Il turismo può costituire il motore dello sviluppo locale, settore in piena espansione, permette di dinamizzare le attività economiche tradizionali e di valorizzare le specificità culturali locali, offrendo inoltre ai giovani nuove possibilità di impiego e frenando il rischio di esodo, che si presenta elevato.

Inoltre l’introduzione del concetto di “turismo sostenibile” comporta un sistema di offerta turistica incentrato sulle risorse del territorio, dove con il termine risorsa si individua in primis l’elemento umano, con il proprio patrimonio di cultura, esperienza e professionalità.