Set 25 2018

Invito a presentare proposte di manutenzione urgente del territorio a favore di piccoli comuni

Con la delibera N° XI / 535 relativa alla seduta della Giunta della Regione Lombardia del 17/09/2018 si è sancito un provvedimento, pari a Euro 2.000.000 stanziati per interventi di manutenzione urgente da finanziare a favore dei Comuni con popolazione fino a 5.000 abitanti.

PREMESSO che il PRS della XI Legislatura, approvato con D.C.R. 10 luglio 2018 n. XI/64, nell’ambito della riorganizzazione del rapporto Regione-territorio, persegue obiettivi di sostenibilità per gli Enti territoriali, con particolare attenzione al sostegno finanziario e organizzativo ai piccoli Comuni montani e di pianura;
VISTA la LR 42/2017, legge di stabilità 2018-2020, che all’art. 2 prevede un apposito “Fondo pluriennale per gli investimenti e lo sviluppo infrastrutturale per il finanziamento di interventi” a favore di enti locali;
RITENUTO di attuare tale sostegno anche attraverso il supporto finanziario a proposte di intervento di carattere urgente e prioritario attuati dalle amministrazioni comunali nell’ambito della messa in sicurezza e manutenzione urgente del territorio, fino ad un massimo di investimento di 2 milioni di Euro per l’anno 2018;
RITENUTO, altresì, di individuare fra i Comuni lombardi beneficiari di tale supporto finanziario quelli aventi popolazione fino a 5.000 abitanti e le Unioni di Comuni, limitatamente ai Comuni associati con popolazione fino a 5.000 abitanti che non abbiano presentato una propria istanza;
RITENUTO di intervenire a sostegno di detti Enti territoriali con un finanziamento in conto capitale per interventi di carattere urgente e prioritario, finalizzati alla difesa del suolo, alla sostenibilità energetica e ambientale, alla sicurezza dei cittadini, alla manutenzione straordinaria di strutture e infrastrutture pubbliche e alla riqualificazione dei beni artistici, culturali e paesaggistici;
CONSIDERATA l’esigenza che le quote del cofinanziamento regionale siano commisurate percentualmente alle tipologie e ridotte dimensioni degli Enti territoriali attuatori degli interventi, e pertanto nello specifico pari al massimo al 90% della spesa ammissibile;
RITENUTO, inoltre, di stabilire che ogni ente locale possa presentare una sola domanda di contributo e che, in considerazione del carattere d’urgenza degli interventi cofinanziati, debba disporre del cofinanziamento, ove previsto, garantito da risorse proprie al momento della presentazione della proposta di intervento;
VISTA l’allegata scheda descrittiva dei criteri relativi alla attivazione di un invito a presentare proposte di intervento di carattere urgente sul territorio da finanziare a favore dei Comuni con popolazione fino a 5.000 abitanti;
CONSIDERATO che i suddetti criteri prevedono che siano ammesse le tipologie dispesa direttamente imputabili alla realizzazione dell’intervento, relative a progettazione, opere edili e impiantistiche, acquisto di beni e attrezzature strettamente connessi alla realizzazione delle stesse, sostenute a partire dalla data di presentazione della proposta di intervento;
DATO ATTO che la valutazione delle proposte di intervento avverrà attraverso una procedura a graduatoria, con un sistema di punteggi autocertificato, riferiti a:
• intervento finalizzato alle manutenzioni straordinarie delle strutture, fabbricati ed infrastrutture di proprietà pubblica, compresa la manutenzione della viabilità comunale; SI/NO – 30 punti;
• intervento finalizzato alla difesa dai dissesti idrogeologici, alla messa in sicurezza dei versanti e del reticolo idrico di competenza comunale: SI/NO – 20 punti;
• intervento finalizzato alla sostenibilità ambientale e/o energetica, nonché alla sicurezza dei cittadini: SI/NO – 15 punti;
• interventi di riqualificazione di beni artistici, culturali, paesaggistici di proprietà pubblica: SI/NO – 15 punti;
• altri interventi di manutenzione urgente sul territorio: SI/NO – 10 punti;
• gara d’appalto già bandita ed in corso di aggiudicazione: SI/NO – 20 punti;
• affidamento per la realizzazione dell’intervento previsto entro il 31.12.2018: SI/NO – 10 punti;
• presenza di progetto definitivo/esecutivo già formalmente approvato: SI/NO – 20 punti;
• Intervento proposto da Comune con meno di 3.000 abitanti: SI/NO – 10 punti;
• intervento proposto da Comune montano: SI/NO – 10 punti;
DATO ATTO, altresì, che
• l’ammissibilità al contributo sarà valutata entro 30 giorni dalla data ultima per la loro presentazione;
• gli interventi ammessi al finanziamento regionale dovranno essere realizzati e rendicontati entro il 15.12.2019;
RITENUTO OPPORTUNO che la graduatoria degli interventi ammissibili ma non finanziati per carenza di risorse resti valida per i 12 mesi successivi alla sua approvazione;
RICHIAMATA la l.r. 7 luglio 2008, n. 20 “Testo unico delle leggi regionali in materia di organizzazione e personale”, nonché i provvedimenti organizzativi della XI Legislatura”;

VISTI gli articoli 26 e 27 del decreto legislativo n. 33 del 14 marzo 2013 che dispongono la pubblicità sul sito istituzionale delle pubbliche amministrazioni dei dati attinenti alla concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi e attribuzione di vantaggi economici a persone ed enti pubblici e privati; All’unanimità dei voti, espressi nelle forme di legge;

DELIBERA

1. di approvare l’Allegata Scheda “Invito a presentare proposte di manutenzione urgente del territorio a favore dei piccoli Comuni”, parte integrante e sostanziale della presente Deliberazione, recante i criteri per il finanziamento di interventi con finalità di difesa del suolo, sostenibilità energetica e ambientale, sicurezza dei cittadini, manutenzione straordinaria di strutture e infrastrutture pubbliche e riqualificazione dei beni artistici, culturali e paesaggistici;
2. di dare atto che gli oneri del presente provvedimento, pari a Euro 2.000.000, trovano copertura finanziaria sul cap. 13263 “Fondo pluriennale per gli investimenti e lo sviluppo infrastrutturale per il finanziamento di interventi“, di cui all’articolo 2 della LR 42/2017 “Legge di Stabilità 2018/2020”;
3. di demandare alla competente Direzione Generale Enti locali, montagna e piccoli comuni l’adozione dei provvedimenti attuativi del presente atto;
4. di disporre la pubblicazione del presente atto sul Bollettino Ufficiale di Regione Lombardia (BURL) e sul Portale Istituzionale di Regione Lombardia www.regione.lombardia.it – sezione bandi;
5. di attestare che la spesa oggetto del presente provvedimento rientra nell’ambito di applicazione degli artt. 26 e 27 del D.Lgs. 33/2013.

Si fa seguito del file completo della delibera e del bando con la domanda da inoltrare.

Related Posts

Il territorio

Il turismo può costituire il motore dello sviluppo locale, settore in piena espansione, permette di dinamizzare le attività economiche tradizionali e di valorizzare le specificità culturali locali, offrendo inoltre ai giovani nuove possibilità di impiego e frenando il rischio di esodo, che si presenta elevato.

Inoltre l’introduzione del concetto di “turismo sostenibile” comporta un sistema di offerta turistica incentrato sulle risorse del territorio, dove con il termine risorsa si individua in primis l’elemento umano, con il proprio patrimonio di cultura, esperienza e professionalità.